Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche
Taxa più rappresentati: Graminaceae Trifolium Euphorbia Silene

Sp. Carex repens

Gp. III (con stoloni ben sviluppati)

Gen. Carex

Fam. Cyperaceae

Cla. Monocotiledoni
Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
Simile a Sp. Carex disticha, ma differente distribuzione dei sessi nell'inflor.: spighe inf. ♀ , le mediane ♀ alla base e ♂ all'apice, le sup. completam. ♂ ; inoltre f. più gracili ed otricelli più chiari.

Sudeurop.
It. Sett. in Piem. e probabilm. altrove: R; segnalata anche in Abr. sul Gr. Sasso, Pizzo di Sivo e M. Meta, ma forse per confus. con Sp. Carex disticha.

Nota - L'amico F. Pedrotti mi comunica (in litt.) che con sicurezza Sp. Carex repens è nota solo per il Piem. pr. Torino, però è verosimile che anche le indicazioni di Sp. Carex disticha per Bassano, Pavia, Bologna e la Val d'Aosta possano essere riferite a Sp. Carex repens: l'area naturale di quest'ultima sp. includerebbe dunque la maggior parte dell'It. Sett., dove è però quasi ovunque scomparsa negli ultimi decenni. A Sp. Carex disticha resterebbero dunque solo due località italiane: il Piangrande, dove è stata scoperta da Pedrotti stesso, ed il Monfalconese, dove però non è stata ritrovata in tempi recenti. Per quanto riguarda quest'ultima località, va osservato che essa viene indicata da Pospichal (Autore in generale assai preciso), però nel suo erbario gli esemplari di Sp. Carex disticha sono tutti provenienti dall'Europa Centr.: mancano piante raccolte nel Monfalconese, dunque dobbiamo credergli sulla parola. Le indicazioni dell'Abr. sono tutte antiche e non confermate da saggi d'erbario: forse si tratta di confus. con Sp. Carex disticha. L'affine C. arenaria L., indicata anticam. anche per l'Italia, va invece esclusa dalla nostra flora.

Bibl. : Pedrotti F., Atti Ist. Bot. Lab. Critt. Univ. Pavia ser. 6, 12: 147-161 (1977).
Privacy