Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche
Taxa più rappresentati: Graminaceae Trifolium Euphorbia Silene

Sp. Ceratophyllum demersum

Gen. Ceratophyllum

Fam. Ceratophyllaceae

Div. acquatiche

Cla. Dicotiledoni
Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
F. tenaci, flessuosi, diam. 0.5 mm. Fg. verticillate a 4-12, irregolarm. dicotome, con 1-2 dicotomie, lunghe 10-20 mm, le inf. capillari, le sup. larghe fino a 0.7-1 mm, evidentem. dentate sul lato esterno. Fi. su peduncoli ascellari di 2-4 mm; perianzio con segm. di 3 mm; stami bruni, lineari (5 mm); stilo 6-8 mm; fr. ovale (5 mm).

Subcosm.
Pad. e valli alp.: C; Pen. sulla costa o-cidfino alla Camp., Sic, Sard. e Cors.

Nota - Un tempo largam. diffuso nelle acque interne, soprattutto nell'Italia Sett., in Tosc, e nelle Paludi Pontine ed ancora negli anni '50 una delle più comuni idrofite in tutta la Padania; negli ultimi anni invece in rapido regresso a causa dei lavori di canalizzazione e drenaggio e probabilmente anche in connessione al diffuso inquinamento delle acque interne. Nella Padania è oggi ormai divenuto specie rara.
Sp. Ceratophyllum demersum è specie delle acque lente o anche stagnanti, ricche di sostanze nutritive e talora anche eutrofizzate, e cresce frequentem. assieme a Ninfee e Potamogeton, soprattutto in ambienti caratterizzati da un certo riscaldamento estivo. Sp. Ceratophyllum submersum è più raro ed è stato segnalato solo sporadicamente (del resto è difficile da riconoscere rispetto al precedente) e vive in ambienti poco differenti, spesso però in acque del tutto ferme e con maggiore termofilia.
Individui che crescono in particolari condizioni ecologiche presentano un interessante dimorfismo fogliare, portando getti simili a quelli rappresentati in figura e rizoidi basali con fg. capillari, prive di dentatura: questi rizoidi hanno funzione di ancoraggio ed anche di assorbimento delle sostanze nutritive. La propagazione avviene principalmente per via vegetativa; i fi. sono sommersi e vengono fecondati mediante impollinazione idrofila. I fr. aculeati rappresentano certo un adattamento per la fissazione ai substrati fangosi.

Diffusione:

Italia Piemonte Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Campania Sicilia Sardegna

Portamento : ↓ Pianta perenne erbacea

Progressivo : 669

Autore : Linneo

Nome Italiano : Ceratofillo comune

Codifica numerica : 2516001

Forma biologica : I rad

Altezza : 5-20 dm

Tipo di vegetazione : Acque stagnanti o correnti.

Privacy