Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche
Taxa più rappresentati: Graminaceae Trifolium Euphorbia Silene

Sp. Cercis siliquastrum

Gp. Leguminosae I

Fam. Leguminosae

Div. coripetale superovarie a fg. alternate

Cla. Dicotiledoni
Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
Corteccia bruno-rossastra scura. Fg. con lamina (diam. 3-10 cm) subrotonda o reniforme, intera; base cordata profonda 1-2 cm; picciuolo 2-6 cm. Fi. precedenti le fg. ed inseriti direttam. sui rami (caulifloria) in fascettì densi; corolla roseo-purpurea (15-20 mm) raram. bianca in piante coltiv.; legume glabro 1-1.5 X 6-10 cm.

S-Europ. -W-Asiat. (Pontico).
Soprattutto nell'area della Quercus pubescens (pref. calc); inoltre largam. coltiv. come pianta ornam. ed inselvatichito. In tutto il terr. (esci Sard. e Cors.),però non è possibile precisare dove sia origi-nariam. spontaneo: C.

Nota - Il baricentro dell'areale italiano sembra essere nella Pen.; sulle colline laziali Sp. Cercis siliquastrum è molto diffuso e dà l'impressione di essere del tutto spontaneo. Montelucci, ritiene infatti che Sp. Cercis siliquastrum sulle pendici calcaree rivolte a SW (pr. Tivoli, etc.) abbia potuto sopravvivere durante il Wurmiano e sia pertanto da ritenere indigeno. In Tosc, e nell'It. Merid. invece Sp. Cercis siliquastrum diviene generalm. più raro; manca nella Pad. occid., mentre un centro secondario appare essere sui Colli Euganei e le Prealpi Vicentine, dove Sp. Cercis siliquastrum compare frequentem. in boschi termofili: qui tuttavia è assai probabile si tratti solamente di una naturalizzazione recente da piante coltivate.
Privacy