Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche Argomento e limiti Dizionario
Taxa più rappresentati: Graminaceae Trifolium Euphorbia Silene

Sp. Juncus litoralis

Gen. Juncus

Fam. Juncaceae

Cla. Monocotiledoni

Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
Simile a Sp. Juncus acutus, ma f. generalm. isolati o in cespuglio rado; guaine bruno-nerastre; fg. e brattee meno pungenti; antela decomposta, con rami lunghi 8-12 cm (generalm. superatiti le brattee) e fi. ben distanziati fra loro; capsula 2X3 mm, avvolta per ¾ dai tepali.

Medit.-Turan. (Alofita).
Coste Adriatiche da Grado a Cervia: C; ancorapr. Pisa, Garg. a Varano, in Sic. e Cors.: R.

Bibl: Béguinot A., Arch. Bot. 9: 312-323 (1933).

Nota - Conosciuto da noi sotto il binomio di Parlatore e considerato endemico o subendemico, in realtà si tratta di pianta largam. diffusa dall'Italia al bacino mediterraneo orient. e Medio Oriente. La distinzione rispetto a Sp. Juncus acutus non è agevole, però risulta chiara dalla comparazione delle due descrizioni, che rispecchiano le differenze tra popolazioni naturali crescenti nella Laguna di Venezia. Anche l'ecologia è diversa: Sp. Juncus litoralis cresce in generale assieme a Schoenus nigricans, nello Schoeneto-Plantaginetum crassifoliae oppure nello Schoeneto-Erianthetum, mentre Sp. Juncus acutus è decisamente più alofilo e termofilo, nel Veneziano (dove è raro), pur senza esser legato in particolare ad una associazione, si incontra in generale sulle sponde dei fossati con acqua salata. Benché le due specie possano crescere a poca distanza l'una dall'altra, non ho osservato individui di aspetto intermedio.

Tommasini M. de (1794-1879), podestà di Trieste e studioso della flora illirica.
Privacy