Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche
Taxa più rappresentati: Graminaceae Trifolium Euphorbia Silene

Sp. Carex stellulata

Gp. V (Spighe con fi. inf. ♂ e fi. sup. ♀ )

Gen. Carex

Fam. Cyperaceae

Cla. Monocotiledoni
Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
Cespugli brevi, senza stoloni; f. eretto, robusto, sotto l'inflor. scabro. Fg. rigi-dette, piane, sottili (1.5-2.5 mm); guaine inf. giallo-brune. Inflor. formata da 4-7 spighe pauciflore, le inf. distanziate di qualche mm; spighe con pochi fi. inf. ♂, i sup. (6-15) ♀ ; stimmi 2; brattee e glume ovato-acuminate, bruniccio-ia-line, 1.5 mm; otricelli bruno-chiari, lucidi, patenti a stella, con max. largh. presso la base e progressivam. assottigliati in un lungo becco (1-1.4 X 3.5 mm).

Euroameric. (anfiatlant.).
Alpi: C; App. fino alla Sila: R e con lacune; anche nella Pad. e Cors.

Variab. - Popolazioni con inflor. ridotta a 2-3 spighe, f. di 5-20 cm ed otricelli scuri sono state indicate come var. grypos (Schkuhr) Koch e possono esser incontrate di frequente, soprattutto in montagna. Il binomio C. echinata Murray, frequentem. usato per Sp. Carex pairaei, va evitato perché fonte di confusione, così pure C. muricata (usato per Sp. Carex contigua oppure per l'intero gruppo Sp. Carex contigua-Sp. Carex divulsa).
A maturità l'aspetto di questa specie è inconfondibile, per i caratteristici otricelli patenti a stella; invece, quando le spighe sono immature, le glume risultano più o meno conniventi e talora l'aspetto può somigliare a quello di Sp. Carex canescens, che tuttavia cresce quasi esclusivam. nelle torbiere acide, mentre Sp. Carex stellulata è pianta abbastanza euriecia, diffusa in ambienti blandamente acidi, neutri o anche basici.
Privacy