Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche
Taxa più rappresentati: Graminaceae Trifolium Euphorbia Silene

Sp. Phillyrea latifolia

Gen. Phillyrea

Fam. Oleaceae

Div. coripetale superovarie a fg. opposte

Cla. Dicotiledoni
Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
Arbusto, raram. alberello, con corteccia grigia; legno senza odore da fresco. Fg. opposte, sempreverdi, coriacee, lucide di sopra; picciuolo 1-5 mm; lamina allargata (1-4 X 2-7 cm); nervi secondari 6-12(-13), robusti, inseriti quasi ad angolo retto, ravvicinati, spesso arcuati, i maggiori forcati all'apice; margine con 11-13 dentelli per lato. Racemi ascellari (1 cm), 5-7flori; calice a lobi triangolari; petali 4, bianco-rosei (1.5 X 1.5 mm); stimma bifido; drupa subsferica (7-10 mm), arrotondata o appiattita all'apice.

Steno-Medit.
Lig., Pen., Sic, Sard, Cors. ed Is. Minori: C; nel resto delL'lt. Sett.: RR.

Confus. - La distinzione rispetto a Sp. Phillyrea angustifolia non è agevole a causa della straordinaria variab. delle fg.: per questo Sp. Phillyrea angustifolia e Sp. Phillyrea latifolia furono spesso riunite in una sola sp. (Ph. variabilis Timb.; Ph. vulgaris Caruel). Altri Autori (es. Sennen per le piante iberiche) all'estremo contrario le smembrarono fra numerose «specie» che certo rappresentano soltanto stati individuali. Le fg. di Sp. Phillyrea latifolia presentano generalm. un forte dimorfismo collegato alla crescita: in condizioni giovanili esse sono ovato-lanceolate a ovate (largh. max. nel terzo inf.) e spesso con base tronca o cordata e corrispondono meglio al concetto di Ph. latifolia L., in seguito si allungano e diventano lanceolate o più spesso ellittiche (largh. max. verso la metà), con base attenuata, più somiglianti a quelle di Sp. Phillyrea angustifolia e corrispondenti a Ph. media L.; in generale si tratta degli estremi di uno stesso campo di variab., però a volte le fg. ovate persistono per tutta la vita della pianta. Sp. Phillyrea latifolia è molto meno termofilo di Sp. Phillyrea angustifolia: la sua area occupa abbastanza compattam. le zone basse della Pen. e verso N raggiunge Ravenna ed i colli romagnoli. Si presenta inoltre nel Triest., litorale friul. e veneto, Colli Eug. a Praglia, attorno al Garda (nel Trent. fino al Castel Toblino). Per la distinzione rispetto a Sp. Rhamnus alaternus cfr. questa sp.

Diffusione:

Italia Piemonte Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol Veneto Friuli-Venezia Giulia Liguria Emilia Romagna Toscana Umbria Marche Lazio Abruzzo Molise Campania Puglia Basilicata Calabria Sicilia Sardegna

Portamento : ⏉ Cespuglio

Progressivo : 2782

Autore : Linneo

Sinonimi : (incl. Ph. media L.)

Nome Italiano : IlatroC comune; Lilatro; Filaria

Codifica numerica : 6425002

Forma biologica : P caesp

Altezza : 1-5(-15)m

Tipo di vegetazione : Macchie e leccete.

Privacy