Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche
Taxa più rappresentati: Graminaceae Trifolium Euphorbia Silene

Sp. Primula palinuri

Gen. Primula

Fam. Primulaceae

Div. gamopetale

Cla. Dicotiledoni
Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
F. legnoso ingrossato con corteccia scura. Fg. carnose, profumate, obovato-spatolate (4-5 X 8-10, max. 7 X 20 cm) acutam. dentate tutt'attorno, vischiose, pubescenti sul bordo; peli chiari 0.1-0.2 mm. Scapo robusto, striato, generalm. 10-20 fioro; ombrella contratta; brattee fogliacee, lanceolate o strettam. ellittiche (4-10 X 10-25 mm), dentellate; peduncoli 5-10(-20) mm; calice bianco-farinoso, campanulato (7-9 mm) con denti acuti lunghi ⅔ della parte indivisa; corolla gialla con tubo di 14-16 mm e lobi arrotondati (5 mm).

Endem.
Coste tirren. dalla Camp, alla Cal. Sett.: R.

Nota - L'area di queste specie si estende su circa una cinquantina di km di costa da Capo Palinuro a Marina di Camerota, P.ta degli Infreschi, P.ta Caina pr. Maratea, Fiuzzi e Scalea, includendo pure la vicina Is. di Dino. Essa vive in anfratti esposti a settentrione assieme a Dianthus rupicola Biv. e Iberis semperflorens L., formando una cenosi di carattere relitto. Per il portam. quasi suffruticoso, la fioritura precoce, l'habitat marittimo e le brattee fortem. sviluppate essa ha una posizione estrema fra le Primule europee e forse mantiene, meglio delle specie alpine (più fortem. differenziate) un carattere ancestrale tardo-terziario. Per la sua rarità e bellezza essa merita un posto d'onore tra gli endemismi del Meridione.

Bibl.: Honsell E., Annali di Bot. 27: 135-144 (1961); Pizzolongo P., Annali di Bot. 27, 3 (1963); Ricciardi M., Ann. Fac. Sc. Agr. Portici Set. 4, voi. 5(1971).

Timoniere della nave di Enea che, colto dal sonno, scomparve durante la navigazione nel Golfo di Policastro e promontorio omonimo dove cresce Sp. Primula palinuri.
Privacy