Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche
Taxa più rappresentati: Graminaceae Trifolium Euphorbia Silene

Sp. Euphorbia peplus

Gen. Euphorbia

Fam. Euphorbiaceae

Div. apetale

Cla. Dicotiledoni
Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
Pianta glabra (!). F. ascendenti, spesso ramificati alla base, cilindrici. Fg. glabre, glaucescenti di sotto, obovate o ellittiche, generalm. di 7-12 X 14-17 mm, molli. Ombrella a 2-3 raggi ripetutam. dicotomi; brattee triangolari-ovate (7x9 mm); ghiandole gialle con 2 corni sottili; capsula 2.5 mm, liscia, alata sulle cocche; semi grigiastri a sez. esagonale: le due facce interne con 1 solco longitud., le 4 esterne con 3-4 fossette rotonde allineate longitudinalm.

Eurosib. divenuta Cosmop. (Archeofita).
In tutto il terr.: C.

Variab. - Nei pascoli aridi, nelle fessure delle rocce cale, e nelle ganghe entro la zona-climax del Quercetum ilicis si presenta con popolazioni nane, caratterizzate da fg. ± rotondate di colore giallo e spesso ± arrossate, ghiandole brune e semi con 2-3 fossette per faccia, che sono state descritte come E. peploides Gouan; il valore di questa è controverso, perché secondo antiche osservazioni di Tommasini e Pospichal (accettate anche da Smith e Tutin in Fl Europ. 2: 222) si tratterebbe solo di uno stato vernale, mentre Freyn, Fl. von Sud-Istrien, Suppl 386 (1881), afferma di aver coltivato E. peploides Gouan constatando la costanza dei caratteri distintivi rispetto ad E. peplus L. Alla Dirupata di Morano pr. Campotenese (1250-1300 m) è stata raccolta E. calabrica H. P. R., che si distingue da Sp. Euphorbia peplus per «f. ramosi quasi alla base, brattee ovali, capsule bicarenate e semi bianchi con 22 fossette». La popolazione di pochi individui, osservata da Huter, Porta e Rigo il 10-VII-1877 va reidentificata.
Privacy