Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche
Taxa più rappresentati: Graminaceae Trifolium Euphorbia Campanula

Sp. Ginkgo biloba

Fam. Ginkgoacee

Div. Gymnosperme

Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
Albero generalm. a portam. monopodiale con corteccia chiara. Fg. caduche, con picciuolo di 3-7 cm e lamina (3-6 cm) a ventaglio bilobo; nervi regolarm. flabellati. Bacca ovoide (2.5-3 cm) giallastra o ± bruna, alla fine marcescente e fetida.

Originario della Cina, frequentem. coltivato nei parchi (soprattutto nella Pad.), non tende ad inselvatichire.

E-Asiat.

Nota
- Pianta ornamentale di frequente coltura, non conosciuta con certezza allo stato spontaneo: se ne suppone l'origine in qualche zona della Cina interna, però attualmente essa è comune soprattutto in Giappone (sempre in coltura), dove i fr. vengono anche mangiati dopo fermentazione. Nell'Orto Botanico di Padova vive un esemplare vetusto di Ginkgo che, secondo la tradizione, è il primo introdotto in Europa nel sec. XVII. La pronuncia originale del nome giapponese può venire trascritta come Ginkyo, ed era ben nota al Linneo, che tuttavia nella Mantissa riporta Ginkgo, a causa di un banale errore di stampa: il nome erroneo è stato fissato dalle regole di nomenclatura, tuttavia in molte opere questa pianta viene ancora indicata col primitivo nome corretto o addirittura come Gingko, nome erroneo in ogni senso, o anche Salisburia adiantifolia Smith.

Portamento : ☨ Albero

Progressivo : 132/II

Autore : Linneo

Nome Italiano : Ginkgo

Codifica numerica : 0010001

Forma biologica : P scap

Altezza : 5-30 m.

Privacy