Fork me on GitHub
Ricerca avanzata Taxa presenti Osservazioni botaniche
Taxa più rappresentati: Graminaceae Trifolium Euphorbia Saxifraga

Sp. Linnaea borealis

Fam. Caprifoliaceae

Div. gamopetale

Cla. Dicotiledoni

Registrati per condividere una segnalazione di questa pianta
F. striscianti, legnosetti, arrossati, pubescenti. Fg. opposte, un po' coriacee, pubescenti soprattutto di sopra, con picciuolo di 1-3 mm e lamina ovata (7-10 X 10-14 mm) con 2-3 dentelli su ciascun lato. Fi. a 1-2 su uno scapo eretto, afillo, ghiandoloso lungo 5-8 cm; calice con tubo di 1.5 mm e 5 denti (2 mm) patenti a stella; corolla bianco-rosea lunga 8 mm, con il labbro inf. più sviluppato del sup.; fr. ad achenio vischioso (da noi la frutt. avviene raram.).

(Circum.) Artico-alp.
Alpi, dal Trent. Occid. alla V. Aosta: R.

Nota - Sp. Linnaea borealis è da noi assai rara e confinata sulle catene interne, nelle zone con forte elevazione di massa e clima continentale: probabilm. rappresenta un elemento boreale, migrato verso S durante le glaciazioni e fissatosi sulle Alpi come relitto. Il limite orientale decorre dall'alta V. Venosta e Ga-via alla V. di Tovel e Bresc. (M. Gazzo); più ad E ricompare a Taufers (Campo Tures) ed è segnalata sulle pendici dello Schlern, in V. Fassa e sul M. Baldo, però queste ultime indicazioni non sono state confermate da ricerche recenti.

Genere dedicato a C. von Linné, ital. Linneo (1707-1778), naturalista e filosofo svedese, che mediante una rigorosa definizione della specie e l'introduzione della nomenclatura binomia gettò le basi della moderna sistematica. L'Autore del genere è l'olandese Gronovius, che lo descrisse nel 1737, però agli effetti della nomenclatura botanica, la prima citazione valida è quella dello stesso Linneo nel 1753: solo per questo L. figura come Autore, ma non è che abbia dedicato il genere a sé stesso, anzi egli scriveva in proposito (cit. dal Fournier, Quatre Fl. Fr., 885): «Strisciante, vile, trascurata, essa bene si adatta a colui, di cui porta il nome», parole di modestia certo eccessiva. In realtà Linneo era affezionato alla L. borealis, che nella Flora Lapponica (1737) viene indicata come «pianta nostra»; in un celebre ritratto Linneo è raffigurato con un rametto di Linnea in mano.

Bibl.: Giger E., Beili. Bot. Centralbl. 2. Abt. 30: 1-78 (1913).

Diffusione:

Italia Piemonte Valle d'Aosta/Vallée d'Aoste Lombardia Trentino-Alto Adige/Südtirol

Portamento : ↓ Pianta perenne erbacea

Progressivo : 3616

Autore : Linneo

Nome Italiano : Linnea

Codifica numerica : 8520001

Forma biologica : Ch suffr

Altezza : 8-15 cm.

Tipo di vegetazione : Boschi di conifere, tra i muschi.

Privacy